Lo stabilimento di Tirrenia è l’unico della provincia di Pisa e tra i nove toscani 

Bagno accessibile 

Il Bagno degli Americani è tra gli 84 stabilimenti balneari in tutta Italia ad aver ricevuto il “certificato” di accessibilità per persone con disabilità. Il Bam è stato infatti inserito nella guida nazionale Heyoka, progetto di Ability Channel, storica testata online dedicata alla disabilità “positiva”. Gli stabilimenti balneari toscani segnalati nella guida sono 9, e il Bagno degli Americani è l’unico del litorale pisano. Sedia job, passerella, servizi igienici, pedane e assistenza sono i servizi riconosciuti dalla guida.

Il Bagno degli Americani è tra gli 84 stabilimenti balneari in tutta Italia ad aver ricevuto il “certificato” di accessibilità per persone con disabilità. Il Bam è stato infatti inserito nella guida nazionale Heyoka, progetto di Ability Channel, storica testata online dedicata alla disabilità “positiva”.
Gli stabilimenti balneari toscani segnalati nella guida sono 9, e il Bagno degli Americani è l’unico del litorale pisano.
Sedia job, passerella, servizi igienici, pedane e assistenza sono i servizi riconosciuti dalla guida.

Il Bagno degli Americani è tra gli 84 stabilimenti balneari in tutta Italia ad aver ricevuto il “certificato” di accessibilità per persone con disabilità. Il Bam è stato infatti inserito nella guida nazionale Heyoka, progetto di Ability Channel, storica testata online dedicata alla disabilità “positiva”.

Gli stabilimenti balneari toscani segnalati nella guida sono 9, e il Bagno degli Americani è l’unico del litorale pisano.
Sedia job, passerella, servizi igienici, pedane e assistenza sono i servizi riconosciuti dalla guida, scaricabile da questo link.

“L’accessibilità è una delle caratteristiche principali del Bagno degli Americani – commenta Davide Bani, dell’associazione Cineclub Arsenale –: nel 2019, infatti, abbiamo superato quota 400 metri di passerella, oltre ad aver confermato tutti gli altri servizi riconosciuti dalla guida. Accessibilità va a braccetto con sostenibilità: è partita quest’anno la nostra ‘lotta’ alla plastica monouso e la promozione dei comportamenti virtuosi di chi usufruisce della spiaggia. Tornando al tema disabilità, teniamo molto alla partnership ormai tradizionale con Surf4all, la prima scuola di surf e sup inclusiva d’Italia, nata nel 2014 da un’idea di Massimiliano Mattei, presidente e fresco vincitore della medaglia d'oro agli Europei di Adaptive Surf. L’obiettivo di Surf4all, che svolge i propri allenamenti al Bagno degli Americani, è quello di coinvolgere le persone con una ridotta mobilità nella pratica di questa disciplina. Insomma – conclude Bani –, ringraziamo Ability Channel e la piattaforma Heyoka per aver selezionato il Bagno degli Americani. È uno stimolo per fare ancora di più”.

Scarica la guida Heyoka da questo link: https://www.heyoka.it/home/wp-content/uploads/2019/07/GUIDA_heyoka-spiagge.pdf